Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se si vuol saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consultare la cookie policy.
Continuando la navigazione, si acconsente all'uso dei cookie.

COLORI ON LINE Banca Dati Miniature 

Ricc. 2669

 

Il progetto e le sue finalità

L’intento primario del progetto è favorire la conoscenza del prezioso patrimonio manoscritto della Biblioteca, consentendo la sua fruizione a livello assai vasto e diversificato, con il maggior agio possibile e la più vasta gamma di opportunità di ricerca, anche per un pubblico di non addetti ai lavori, mettendo a disposizione immagini di buona definizione.
Al tempo stesso il progetto si propone di costruire un repertorio consultabile a largo raggio e non soltanto nella sede dell’Istituto e di assicurare la salvaguardia e la tutela del patrimonio librario attraverso la consultazione on line di tutte le miniature.

Metodi e procedure

I manoscritti miniati della Riccardiana erano stati presi in esame da Maria Luisa Scuricini Greco (Miniature riccardiane, Firenze, 1958) che, dopo uno spoglio sistematico abbastanza accurato, aveva fornito una breve descrizione delle miniature e una non sempre affidabile serie di notizie critico attributive. Si imponeva quindi una revisione di questo lavoro, che tenesse conto degli studi più recenti e, soprattutto, fornisse uno strumento di consultazione più preciso, completo e moderno. A tal fine è stato scelto il formato elettronico che garantisce rapidità e comodità, oltre che la possibilità di un continuo aggiornamento.
I codici decorati a pennello sono 325 poco meno di un 10 per cento del numero totale. Nella fase di digitalizzazione sono state riprodotte tutte le miniature figurate e istoriate, mentre per le lettere decorate si sono scelti esemplari significativi per famiglie tipologiche, secondo il metodo che si adotta normalmente nella descrizione dei manoscritti miniati. Si è creato così l’archivio di immagini a cui collegare il data base per la catalogazione, in modo che, attraverso un software di gestione, che si è voluto piuttosto semplice in modo da garantire una consultazione veloce, sia possibile organizzare le indagini secondo diverse direttrici: per soggetto, per autore, per artista ecc. e, soprattutto, per parole chiave.
Nella creazione dei campi, che si è voluto limitare all'indispensabile, si è cercato di tener presente le molteplici necessità di ricerca e fornire un numero notevole ed esaustivo di informazioni, pur assicurando massima celerità nelle operazioni.
Per i manoscritti miscellanei è stata prevista una “finestra” che contenga l’indicazione dell’autore e del titolo di ogni sezione e le carte relative; il collegamento avviene in automatico rendendo possibile verificare sempre il rapporto tra parola e figura.

Come si configura la base dati

La banca dati è stata strutturata in modo molto semplice, basata su parametri chiari con varie parole chiave per facilitare gli accessi. Il vantaggio di un supporto elettronico è facilmente intuibile data la sua immediata possibilità di essere interrogabile dal pubblico, anche quando fosse solo parzialmente compilato, in quanto, poi, facilmente implementabile. I campi iniziali servono per l’identificazione del codice che si espande nella “vedetta”, redatta in modo discorsivo e contenente tutti i dati che si ritengano utili come fonte di notizie, anche se questa voce è comunque finalizzata alla miniatura; le informazioni catalografiche sul versante codicologico e paleografico sono ridotte all’essenziale. Nel campo della descrizione è stata definita la tipologia della lettera miniata, anche aggiungendo ulteriori specifiche; particolare attenzione è stata posta nella compilazione del campo delle parole, attraverso il quale è stata costituita la base dati interrogabile dal pubblico. Senza nulla perdere della validità di una corretta descrizione della miniatura si recuperano tutti i termini, abolendo semplicemente i nessi sintattici e grammaticali.

Avvertenza per la consultazione: Trattandosi di un "work in progress" che deve essere migliorato in corso d'opera, come ogni banca dati, è possibile che alcuni dati non risultino corretti. Siamo grati agli utenti che vorranno fornire segnalazioni in merito.

L'applicazione è realizzata in tecnologia Adobe Flash, al momento non più supportata.
La base di dati è visibile per la sola parte testuale, per le immagini far riferimento alla TECA DIGITALE

Collegamento a COLORI ON LINE

AVVERTENZA
La base dati è attualmente in fase di revisione.